Intervista all’attrice Michela Andreozzi

Ho avuto da poco il piacere di intervistare questa attrice meravigliosa,

una professionista stupenda che ama il suo mestiere e che lo porta avanti da anni con lo stesso impegno e devozione.

Michela Andreozzi

1)Michela ricordi il tuo primo provino?

il primo provino lo feci per serena dandini, era la tv delle ragazze, mi chiese di cantare un pezzo e io feci uno strip improvvisato ma ero vestita da charlie chaplin dubito che se ne ricordi anche serena, ma alla fine non mi presero, assomigliavo troppo ad Alessandra Casella, che al tempo imitava la Gruber.

2)Il lavoro che ti ha lasciato un segno nel cuore?

il film “Basilicata Coast to Coast”, soprattutto per la gioia di vedere nascere un film da una lunghissima, fertile, meravigliosa gavetta di un artista grande come Rocco Papaleo, mio amico da sempre.
3)quando hai capito di voler fare l’attrice?

Credo da sempre…. mia madre ha sempre recitato per noi perfino le favole e vengo da una famiglia in cui cantano tutti assai meglio di me poi il percorso è stato lungo, una volta diplomata alla scuola di teatro ho avuto un periodo di attacchi di panico, e avevo timore del palco.

Per tanto tempo ho studiato anche solo per diventare autrice e sceneggiatrice, dopodiché sono rimontata su un palco e ora per farmi scendere bisogna spararmi a vista.
4)Qual’è l’errore più grande che possa commettere un attore?

Mettere il proprio ego avanti a tutto. L’ego serve per diventare altro, noi dobbiamo sparire dimenticandoci di noi.

5)Hai fatto delle esibizioni molto convincenti a “Tale e Quale Show”

Da attrice Quali difficoltà hai trovato nel fare imitazioni?

Da attrice nessuna… è un lavoro meraviglioso e privilegiato stare una settimana su un personaggio che si esibisce per soli 2 minuti e mezzo, ma da attrice che canta ho avuto difficoltà tutte le settimane, in mezzo a dei talenti canori come quelli:

Una volta dovevo affrontare degli ultrasuoni, una volta un ritornello difficile, un’altra un testo serrato che ti toglie il respiro. Ho  imparato moltissimo da questa esperienza e ne sono felice.
6) attori si nasce o si diventa?

Attori ci si scopre. Sono convinta che ci sono eccellenti attori nascosti tra la gente comune che non sanno di esserlo!
7) Mi piace concludere le mie interviste con la stessa domanda…
Quali sono i tre requisiti essenziali che bisogna avere per realizzarsi nella propria professione?

Eduardo diceva: la salute la salute e la salute. io dico lo stesso, e aggiungo: la salute fisica, la salute mentale e la salute del cuore.

Annunci

SE NON SEI SOCIAL NON ESISTI !

Al giorno d’oggi tutti noi abbiamo una vita parallela su internet!
Tutti siamo iscritti ad almeno un Social Network e molte volte proprio i ‘’Social’’ rischiano di diventare l’unica condizione della nostra esistenza.
L’avvento di Internet è stato sicuramente una grande innovazione che ha permesso alla maggior parte delle persone di aprire una “Finestra” sul resto del mondo e di comunicare con persone di lingue e culture differenti.
Questo nuovo modo di vedere e percepire il mondo ha portato con sé diversi vantaggi ma anche dei grossi svantaggi.

Nel campo dell’arte (per esempio) ha dato modo a tanti talenti di emergere e di essere scoperti, ma dall’altra parte ha creato una nuova “nicchia “ mondiale, una comunità apparentemente aperta ma che in realtà esclude tutti quelli che non ne fanno parte.
Per un giovane artista in passato era difficile farsi notare, doveva fare la così detta “Gavetta nei locali”,
andare a bussare alle porte dei produttori e discografici…. poi sono arrivati i Talent Show e la competizione si è inasprita ancora di più.
Oggi oltre al Mondo dei Talent è arrivato il “mondo dei social”, dei blog, di youtube.
Mondi apparentemente limpidi e semplici da raggiungere ma che nascondo una fitta rete di trucchi e di vere e proprie strategie di mercato.
Mi chiedo: se un artista non ha la possibilità di accedere ad un Talent e se allo stesso tempo non riesce ad emergere dalla fitta rete dei network, in che modo potrà manifestare la propria creatività ?
dov’è finita la Gavetta ? e la vera meritocrazia ?

social-media

Le Tisane!

Una delle cose che amo di più in assoluto sono le tisane e ora che sta iniziando a fare freddo ho riempito la dispensa delle mie preferite.
In assoluto quella che preferisco è la tisana al finocchio che solitamente prendo la mattina appena mi sveglio e spesso anche a metà pomeriggio come “spezza fame”.
Questo tipo di tisana ha molte proprietà ad esempio è utile per sgonfiare l’addome ed è anche un ottimo drenante!
Unito a rabarbaro e fiori di malva il finocchio è utile anche per combattere la stitichezza, per questo tipo di tisana consiglio la marca POMPADOUR economica e soprattutto gustosa.

Se invece avete esagerato con il cibo, magari nel tipico “pranzo della domenica” vi consiglio la sera una tisana tarassaco e curcuma anche questa la trovate già confezionata.

Ultimi consigli sulla degustazione della tisana:
-5-7 minuti in infusione
-niente zucchero e niente limone!

Provate e fatemi sapere….

IMG_3480.JPG

IMG_3478.JPG

IMG_3485.JPG

Lucca Comics

Ieri sono arrivata a Lucca per fare la giurata all’interno del LUCCA COMICS di un contest di band che cantano sigle dei cartoni animati….
Appena messo piede nella città sono tornata velocemente a quando ero piccola, ho iniziato a scrutare questa città magica e tutte le persone che in questi giorni la animano con le “maschere” più diverse..
È stato strano camminare tra Jack Sparrow e i Teletubbies ma anche tra un Lego umano e Iron Man. Continuavo a girare la testa estasiata da questa particolarissima festa.
Lucca comics non é un carnevale, è molto di più, é l’incontro di tante persone
(quest’anno ne sono attese circa 400.000) che condividono una grande passione, che hanno la stessa filosofia di vita e che nonostante provengano da tanti luoghi diversi in questi tre giorni si trasformano in un unico grande “popolo” unito….

IMG_2910.JPG

IMG_2849.JPG

INTERVISTA ALLA DOTT.SA VENANZI

Come molte donne sto spesso a dieta e seguo un regime alimentare controllato, spesso però nonostante l’impegno il rischio è quello di commettere errori banali che possono compromettere i nostri sforzi…

In questi casi è doveroso consultare un professionista del settore come la mitica Dottoressa Venanzi che ha risposto alle mie curiosità…. Buona Lettura !

1) Valentina quel’è l’errore più grave che si possa commettere quando si è a dieta? 

Generalmente quando si sta a dieta e non ci si affida ad un professionista (classiche diete “fai da te”) si commette l’errore di eliminare alcuni elementi importanti perché considerati “troppo calorici” come per esempio i carboidrati, rischiando di mangiare in maniera squilibrata e troppo restrittiva.
Un’alimentazione che non garantisce un apporto adeguato di nutrienti compromette la funzionalitá degli apparati vitali e pone le condizioni per l’insorgere di disturbi.
Per svilupparsi in modo ottimale e godere di piena funzionalitá, l’organismo ha bisogno dell’intera gamma dei nutrienti: carboidrati (giustamente dosati), proteine, grassi (anche essi limitati), fibre, acqua, vitamine e minerali.
Una buona dieta deve essere sana ed equilibrata e deve comprendere un’ampia varietá di cibo nelle giuste proporzioni.

2) Quanto deve durare in media una dieta per portare ad un buon risultato ? 

Una dieta se ben equilibrata deve durare circa sei mesi per portare ad un buon risultato, in ogni caso dipende anche molto da quanto peso si deve perdere, diciamo che più peso si deve perdere più di buona norma si protrae il tempo, anche fino ad un anno. É bene comunque, una volta raggiunto l’obiettivo, proseguire con una dieta di mantenimento, fondamentale per evitare che vi si riprendano i chili perduti.

3) Credi nelle diete ”Lampo” ? 

Da nutrizionista e professionista nel settore, non credo assolutamente nelle diete lampo, troppo restrittive, squilibrate e poco efficaci nel tempo.

4) Il tuo punto di vista sulla ”Dieta Dukan ” ?

Dieta Dukan??? No comment! É la classica dieta iperproteica che promette di far dimagrire ma omette il fatto che i chili persi verranno rapidamente riacquistati. Si basa principalmente su troppe proteine animali eliminando in prima fase carboidrati semplici, come riso,orzo,farro,pasta,pane, niente frutta,né verdura..il risultato ? Le troppe proteine portano a danneggiare reni, cuore, circolazione e cattiva respirazione con problemi al fegato ed intestino. La sconsiglio assolutamente, meglio una sana dieta mediterranea, varia,equilibrata e con effetti decisamente positivi e duraturi.

5) A metà pomeriggio quando a tutte noi viene il classico ”attacco di fame” con cosa non mettiamo a repentaglio la dieta ?

C’é chi si trova bene con tre pasti al giorno e chi, invece, ama fare qualche spuntino. In questo caso, se la fame é autentica e non si ha solo voglia di sgranocchiare qualcosa, é meglio consumare uno spuntino sano anziché aspettare il pasto successivo: aiuta a placare la fame e a ridurre la tentazione di mangiare cibi pronti e troppo calorici. Per non compromettere la nostra dieta si possono scegliere, per esempio, della frutta fresca o secca, verdure crude, yogurt magro o gallette di riso.
Io consiglio sempre di tenere a disposizione qualche snack sano anche sul lavoro, in viaggio e a casa.

6) Dieta….. una fase o uno stile di vita ? 

Sicuramente la dieta per me non è un momento sporadico ma un vero e proprio stile di vita. Adottare un’alimentazione corretta ed uno stile di vita sano con la giusta quota di attività fisica ci aiuta a vivere sani e a lungo. Prendersi cura della propria salute significa inevitabilmente modificare abitudini alimentari e stile di vita.Sono aspetti da valutare con la massima attenzione.

7)Quali sono i tre requisiti essenziali per realizzarsi nella propria professione ?

I tre requisiti essenziali? Prima fra tutte, secondo me, é la passione per il proprio lavoro, impegno e costanza allo stesso livello e serietà specialmente quando si lavora con la salute ed il benessere degli altri.

Grazie Dott. Valentina !!!!!!!!

 1383480_558529854196354_735002834_n

Scrub per la pelle

Andare in profumeria e comprare uno scrub oggi viene in media tra i 10 e i 50€. Allora perché non risparmiare e farsi lo scrub in casa? Questa ricetta che ho usato sulla mia pelle mi è stata suggerita da mia zia e devo dire che è davvero efficace.
Per lo scrub occorre :
-Olio
-Zucchero
-Limone
Si deve prendere una ciotolina e versare i tre ingredienti, partendo dall’olio, seguito dal limone(solo poche gocce) e infine dallo zucchero che deve essere in quantità superiore rispetto all’olio. Una volta versati i tre ingredienti, si deve amalgamare il tutto fino ad ottenere un composto denso e grumoso.
Una volta raggiunta la densità desiderata dovete applicare lo scrub sulla pelle e lasciarlo “in posa” almeno 5 minuti.

In questo modo abbiamo salvato il portafoglio e detto Addio alle imperfezioni!
IMG_2595.JPG

IMG_2588.JPG

IMG_2597.JPG

Tutti pazzi per l’insalata parte 2!

Questa sera sono stata al ristorante con una mia cara amica. Il problema che ci si pone, quando si mangia fuori casa, è come rispettare la dieta ma allo stesso tempo godere di qualche prelibatezza.

Nei ristoranti può essere rischioso ordinare piatti troppo elaborati perché spesso abbondano di olio, di condimenti o peggio ancora di salse di ogni genere (maionese, salsa-yogurt, ecc…).

Aperto il menù il mio sguardo è immediatamente ‘caduto’, da grande amante delle foglie verdi quale sono, sulla sezione che preferisco: “LE INSALATONE”!
Ne ho scelta una sostanziosa, ma allo stesso tempo poco calorica, che potete facilmente riproporre a casa!
Gli ingredienti della mia “SUPER-INSALATA” sono stati: SONGINO, POLLO (precedentemente sfilettato), NOCI (che hanno dato un tocco particolare al ‘piatto’ e che in più hanno effetti benefici per la salute, agiscono ad esempio come ricostituente naturale in caso di malnutrizione e sono molto utili in caso di anemia e carenza di vitamine), SCAGLIE DI PECORINO (che hanno rappresentato la “ciliegina sulla torta” della mia insalata).

Davvero molto buona e particolare.
Un’ ottima idea per mangiare sano e mantenere la linea…SENZA RINUNCIARE AL GUSTO!!!

A TUTTA INSALATA !!

Tornata dalle lunghe e stupende vacanze ho cominciato a riprendere i ritmi della vita cittadina ma anche l’alimentazione corretta che avevo accantonato per far posto a mega gelatoni e alle tanto amate fritture di calamari .
Roma e le giornate intense non concedono, soprattutto a pranzo,
di fermarsi a mangiare tranquilli….
per evitare pero’ di danneggiare il fisico ripiegando sui soliti tramezzini pieni di maionese o sui mega panini da cui gocciola puntualmente qualche discutibile salsetta, la scelta giusta è quella di una bella Insalatona!
Molti restii alle diete, scappano non appena si sente parlare di “foglioline verdi” (non bastano le dita di una mano per contare le volte in cui mi hanno dato della Capretta) ma la così temuta insalata è diventata sempre di più un piatto ricco e da immaginare con tantissime varianti .

Partiamo dalle origini…. l’insalata prende il suo nome dal latino ”Salata’’, da Sal, “Sale” ed infatti in Italia è così che viene generalmente condita, con olio, sale e altri ingredienti come aceto,limone e pepe.
La base del piatto come tutti sanno è costituita da verdure crude in foglia coma la lattuga….

Veniamo alla parte più divertente, ossia le varianti!!

Inizierei con la mia preferita …. Insalata di Pollo!
Gli ingredienti sono:
Pollo (petto o coscia a vostro piacimento)
carote
peperoni
sedano
Farla è molto semplice e rapido …Basterà grigliare dei petti di pollo dopo averli battuti con il pesta carne per poi tagliarli alla julienne, insieme a carote,peperoni e sedano.
Una volta pronti tutti gli ingredienti secondari, basta unirli alla “famosa” insalata…la scelta della foglia sta a voi ma se posso consigliarvi, con il pollo è molto buona l’Iceberg!
Una volta assemblata la vostra Ciotolona basterà condire con limone, olio e sale …

Un’altra variante che personalmente amo è l’insalata con il Salmone….
Gli ingredienti sono :
Salmone affumicato, al supermercato vendono le confezioni sotto vuoto da 100g che per una persona sono perfette.
Arance
Olive nere
Sesamo
Recuperiamo il mega ciotolone ci mettiamo dentro il salmone , le arance tagliate a cubetti , le olive nere snocciolate e sopra qualche semino di sesamo (se non vi piace, in alternativa sono molto buoni i semini di Girasole) . La foglia che vi consiglio è il Songino !

Se invece non avete tempo di cucinare ma siete nel bel mezzo di una rapida pausa di lavoro , vi consiglio un posto molto carino le cui e insalate sono davvero ricche e particolari, si chiama Sasa e si trova in due zone di Roma, una in Piazza Istria13 e l’altra a Viale Parioli 196C… I prezzi sono bassi e la qualità dei prodotti molto alta.

Insomma se non avete tempo per sbizzarrirvi con la fantasia , avete chi ci pensa per voi !

Io vi saluto ….e alla prossima insalata!

20140917-003550-2150430.jpg

“LAMPEDUSA WAY”

Da un paio di giorni sono atterrata nell “ISOLA CHE NON C’È’ la favolosa LAMPEDUSA!

Vengo qui da quando sono nata..
Ogni anno è una scoperta, ogni anno vedo i cambiamenti e le infinite meraviglie che l’isola riserva, ogni anno con occhi diversi.

Si parla spesso di Lampedusa come un luogo legato a tragedie, l’immigrazione, centinaia di uomini e donne in cerca di una vita migliore, ma Lampedusa non è solo questo, Lampedusa è molto di più, è altro !

Sono personalmente vicina agli uomini, alle donne ed ai loro bambini che, spinti dalla disperazione sbarcano a Lampedusa, questo mi addolora e mi colpisce nel profondo, ma non è di questo che ora voglio parlarvi, è di quel “molto di più” cui facevo riferimento prima, di quel “altro” !

Lampedusa è un’isola con un GRANDE CUORE, un’isola piena di giovani, di talenti, di amanti della vita, del mare e della musica, di belle persone. Mi piacerebbe nel periodo che trascorrerò qui trasmettervi, per quanto possibile, le emozioni e raccontarvi le avventure che si vivono in questo posto incantato.

Appena atterrata nel piccolo Aeroporto ‘Lampedusa 35°’ (così chiamato perché il 35° parallelo passa esattamente per Lampedusa) sono stata “catapultata” in barca, pronta per fare il giro dell’isola, per assaporarne il profumo ed ammirarne i mille colori, diversi in ogni “cala” in ogni angolo.

Usciti dal porto, dopo circa quindici minuti di navigazione siamo giunti a CALA PULCINO, dal surreale color celeste. Notando che la forza del vento stava crescendo, ci siamo avvicinati alla barca di alcuni abitanti dell’isola per chiedere loro informazioni sul tempo. Senza neanche aver capito come, ci siamo ritrovati sulla loro barca, davanti ad un invitante piatto di triglie appena pescate e grigliate sul momento, accompagnate da pane di Lampedusa bruscato, a completamento di una vera “opera d’arte culinaria”!

Felici e sazi abbiamo ripreso il nostro giro, per fermarci nuovamente nella parte dell’isola dove si trovano i Faraglioni. Lì, in un acqua che era diventata di un incredibile verde smeraldo, abbiamo fatto un bagno indimenticabile, e dopo aver “litigato” con l’àncora incagliata, ci siamo rifocillati e consolati con un ottimo caffè con cannella, altra specialità isolana, offerto dai nostri nuovi vicini di barca.

Come prima giornata mi posso ritenere soddisfatta; convivialità e ospitalità, le parole chiave di oggi, avvolti da un mare di mille colori ! Bello!!! Molto Bello !!!

20140801-111932-40772206.jpg

20140801-111931-40771991.jpg

Zumba che passione !!

zumba-1Tutti almeno una volta avranno sentito nominare il termine “Zumba” ma in cosa consiste una delle mode più diffuse degli ultimi anni ?

La Zumba è sostanzialmente una lezione di Fitness in cui si fondono il ritmo della musica Afro-Caraibica con i movimenti tradizionali dell’aerobica, è nata in Colombia alla fine degli anni novanta ed è arrivata ad avere oltre 12 milioni di appassionati in 125 paesi al mondo .

Numeri da capogiro che hanno portato questa disciplina a svilupparsi fino a diventare un vero e proprio stile di vita come dichiara il suo inventore Beto Perez, il ballerino ha spiegato in una recente intervista che durante una lezione di Zumba nessuno è obbligato a seguire rigorosamente i passi ma che è possibile esprimersi in modo libero coinvolgendo corpo e mente .

Continua a leggere